12 settembre 2013
12 settembre 2013,
 0

La muffa sulle murature di casa è uno dei problemi più diffusi degli immobili, qualunque sia la loro epoca di costruzione. Anzi, ne risentono molto gli immobili recenti o appena ristrutturati.  Puntini neri, macchie verdastre, cattivi odori accompagnano i proprietari e gli inquilini per gran parte del periodo autunnale e invernale con disagi dal punto di vista estetico e della salubrità dei locali. Le muffe sono dannose per la salute e lo sa bene chi soffre di asma e malattie bronchiali. I rimedi sono spesso frutto della tradizione (lavaggi con candeggina o varecchina, ecc) o della semplice abitudine (continui ritocchi e tinteggiature con prodotti specifici offerti dal mercato). Purtroppo i risultati sono sempre scadenti ed il problema si ripresenta dopo poco, con sperpero di tempo e denaro. La diagnosi accurata del problema tramite termografia ad infrarosso per individuazione delle zone a rischio condensa (e quindi muffa) e la valutazione dei parametri microclimatici dell’abitazione (umidità relativa dell’aria, temperatura e umidità specifica) forniscono gli elementi di base per mettere in atto le strategie e gli interventi necessari al fine di individuare le cause del problema e quindi la soluzione definitiva.   Dalla diagnosi alla soluzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *